Consigli

Ceretta Araba fai da te

Ceretta Araba Fai da teLa depilazione è una sfida tutta al femminile che non si avrebbe mai voglia di affrontare. Il problema si riscontra soprattutto durante la bella stagione, ma non si può abbassare la guardia nemmeno nel corso dell’anno. Tra ceretta, rasoio, creme depilatorie e depilazione definitiva, ecco un metodo del tutto naturale ed ecologico per gambe lisce e vellutate cui risultato è efficace e duraturo più delle solite cerette.

In questo articolo parleremo della ceretta araba. Le donne mediorientali, infatti, sono solite preparare una pasta a base di zucchero e limone chiamata Sokkar, ceretta araba per l’appunto conosciuta anche come Halawa, molto diffusa nel mondo mediorientale per la semplicità degli ingredienti. Ideale per chi possiede pelli delicate e sensibili senza alcuna controindicazione. Bisogna però seguire accuratamente il procedimento di realizzazione affinchè la pasta finale acquisisca un determinato colore e una precisa consistenza e risultare quindi efficace.

Preparazione

Per realizzarla basta procurarsi zucchero di canna, il succo di mezzo limone, un bicchiere di acqua e un cucchiaino di miele. La preparazione segue tre semplici step:

  1. Versate in un pentolino antiaderente il succo del limone con lo zucchero, mescolando il tutto con un cucchiaio di legno a fuoco lento. In alternativa con una frusta d’acciaio. A piacere si possono aggiungere miele e sale, lasciando bollire per circa 10 minuti mescolando di continuo. Durante questo passaggio la cera modificherà ulteriormente la colorazione assumendo una tonalità giallo-ambra, ovvero simile a un miele più scuro.
  2. Spegnete e versate il composto in un barattolo di vetro lasciandolo raffreddare, evitate contenitori di plastica che potrebbero sciogliersi. Dopo aver fatto raffreddare un poco, il composto assume una consistenza simile alla cera.
  3. Una volta raffreddata e dalla consistenza morbida lavoratela bagnando le mani e manipolandola come se fosse pongo in modo che la cera cambi ulteriormente colore diventando più dorata e perdendo la sua trasparenza. Dovrà risultare appiccicosa ma non rimanere sulle dita o sulla pelle.

Applicazione

A questo punto si applica sulla parte da trattare e si lascia raffreddare del tutto. Senza utilizzare strisce di carta strappate semplicemente la cera con un gesto secco e deciso in direzione opposta quella del pelo. Il principale vantaggio della sokkar è la facilità con cui la si utilizza, quindi la possibilità di effettuare la depilazione anche sulle zone più delicate come inguine, baffetti e ascelle. I residui si eliminano con acqua e gli avanzi si possono conservare in frigorifero, in un barattolo di vetro, oppure congelare. Per riutilizzarla è sufficiente riportarla in vita scaldandola a bagnomaria.

Commenta questo articolo